Thomas Oppong. Lavorare nella Gig Economy

Scheda
Lavorare nella Gig Economy
Autore: Thomas Oppong
Collana: Gestione d’impresa – Crescita professionale
Editore: Tecniche Nuove
Pagine: 192
Formato: 15x 21
Rilegatura: brossura,
Prezzo cartaceo: 17,90 euro
Prezzo pdf/epub: 13,99 euro
ISBN cartaceo: 978-88-481-3942-7
ISBN pdf: 978-88-481-3943-4
ISBN epub: 978-88-481-3944-1

La Gig economy è un sistema economico sempre più diffuso che non prevede più prestazioni lavorative continuative ma la richiesta per un limitato periodo di servizi, prodotti o competenze.

Se il termine gig in inglese significa “lavoretto” ciò non va necessariamente associato a lavori di basso profilo e sottopagati. Al contrario, grazie alla flessibilità degli orari, alla fluidità degli accordi di lavoro e alla tecnologia che possono sfruttare a proprio vantaggio, i lavoratori odierni si stanno creando carriere significative e perfettamente adeguate al proprio stile di vita, non il contrario.
Lavorare nella Gig Economy è una guida pratica per imparare a ricavare il meglio dal mondo delle gig. Sperimentate le vostre idee di impresa, avviate una carriera professionale, costruitevi una valida reputazione personale e un network di contatti professionali solido, raccoglierete le soddisfazioni e il successo che meritate.

Queste pagine dense di consigli e informazioni, dalla gestione delle finanze personali alla conoscenza dei diritti di impiego, da come rifiutare i lavori inopportuni alla gestione dei clienti fino al mantenimento della produttività, saranno un’indispensabile guida per passare allo stile di vita freelance.

L’autore
Thomas Oppong è il fondatore di AllTopStartups, un sito di documentazione per la piccola impresa, e curatore della newsletter Postanly, un riepilogo settimanale gratuito dei migliori post pubblicati a proposito dei cambiamenti comportamentali. È uno degli autori principali della piattaforma editoriale Medium e scrive articoli per Inc. Magazine e HuffPost. Di lui si è parlato su Business Insider, Quartz, CNBC, Entrepreneur, Observer, Thought Catalog, Pocket Hits e The Muse.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here