Unioncamere: la carica delle 3mila startup innovative

start-up-campaniaTrento come Napoli, Cagliari al pari di Padova. Il Mezzogiorno allo stesso livello del centro e solo un piccolo passo dietro il nord. Su una cosa l’Italia dalle diverse velocità ritrova lo stesso passo: si chiamano startup innovative, sono ormai più di 3.200 e aumentano a una velocità esponenziale. E lo fanno non solo a Milano (dove sono 470), Roma (270) o Torino (174), ma anche nelle province più piccole, come Trento, o con maggiori problemi di sviluppo, come Napoli, dove se ne contano in entrambi i casi 96.
Questa voglia di fare impresa – che parla un linguaggio giovane, dinamico e ipertecnologico, che si muove a suon di byte ma che si lamenta di una burocrazia asfissiante e di un credito avaro – emerge sia dai dati ufficiali della sezione speciale del Registro delle imprese delle Camere di commercio, sia da una specifica indagine promossa da Unioncamere e Ministero del lavoro nell’ambito del sistema informativo Excelsior.
il_presidente_unioncamere_nazionale__ferruccio_dardanello_800_800«Le Camere di commercio svolgono un ruolo fondamentale per favorire la diffusione dell’innovazione e la nascita e consolidamento delle imprese innovative. Occorre intervenire con un approccio improntato alla semplificazione (utilizzando al meglio le norme e le strutture efficienti che già esistono) e alla sostenibilità economica nel tempo, anche per il bilancio pubblico, delle misure affinché possano diventare strutturali».
Ferruccio Dardanello, presidente di Unioncamere

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here