Terreal. Laterizi per il campanile del Duomo di Pozzuoli

Pozzuoli (Napoli), Tempio-Duomo recupero dopo l’incendio e il terremoto con il nuovo campanille elaborato dallo Stidio Dezzi Bardeschi (concorso, 2004, completamento, 2017) (foto Dezzi Bardeschi attraverso Terreal)

L’elemento “campanile”, fondamentale dal punto di vista di richiamo visivo ma anche morfologico, non è un elemento singolo a se stante, ma sorge da un corpo più basso che ricrea un volume mancante, a partire dalla lacerazione del troncone di muro rimasto a terra, per realizzare un edificio prismatico il cui rivestimento è l’elemento più visibile e più caratterizzante del nuovo ricostruito rispetto all’esistente recuperato.

Il campanile è una riemersione della torre campanaria che porta come richiamo mnemonico uno spicchio di cielo della visita di San Paolo (foto Dezzi Bardeschi attraverso Terreal)
Campanile di Pozzuoli (foto Florian Castiglione via Terreal)

Non solo… il rivestimento dalle intenzioni iniziali dei progettisti (Marco Dezzi Bardeschi e Gnosis Progetti con A. Castagnaro e R. De Fusco) avrebbe dovuto essere, sia per il campanile sia per l’edificio a terra, la carta di identità dell’intervento: tridimensionale, materico e al tempo stesso dinamico, tanto da rendersi più o meno trasparente in funzione di ciò che ci sarebbe stato sul retro.

Campanile di Pozzuoli (foto Florian Castiglione via Terreal)

«L’idea progettuale che ci fu sottoposta all’inizio del percorso di progettazione esecutiva del campanile per il Duomo nel Rione Terra di Pozzuoli era semplice, e, forse per questo, complessa da tradurre in un oggetto concreto: rivestire il nuovo campanile con elementi che richiamassero già dal primo sguardo le onde del mare, in cui il campanile si specchia. Partendo dall’idea embrionale di creare un’onda cristallizzata, abbiamo quindi lavorato su un elemento da applicarsi a secco all’interno di un sistema frangisole» Arch. Roberta Massarotto, Product manager Facciate Ventilate

La materia che Terreal Italia lavora da anni è l’argilla, che resta ad oggi l’elemento ancora più adattabile alle esigenze dell’architettura e del design.

Campanile di Pozzuoli (foto Florian Castiglione via Terreal)

Ecco perché il rivestimento è stato realizzato in terracotta con superfici sabbiate e colori a impasto. Ma la caratteristica principale consiste nell’idea di formare un sistema frangisole che garantisca protezione solare e isolamento termico al tempo stesso.

Campanile di Pozzuoli (foto Florian Castiglione via Terreal)

La facciata del campanile prevede una serie di elementi sagomati ondulati per dare l’idea del movimento, vincolato tramite un doppio sistema alla struttura portante, con uno spazio vuoto tra una file e l’altra in modo da mostrare nella sua interezza la struttura del campanile.

Particolari del Campanile di Pozzuoli (foto Florian Castiglione via Terreal)

La facciata del corpo basso invece ha gli stessi elementi aggettanti, ma in questo caso rettilinei, senza la sagomatura, con i vuoti tra l’uno e l’altro riempiti da un sistema di tavelle incassate tra un frangisole e l’altro in modo da chiudere visivamente il corpo stesso ed eliminare la trasparenza che invece caratterizzava il campanile.

Particolari del Campanile di Pozzuoli (foto Florian Castiglione via Terreal)

La differenza tra torre e corpo basso è quindi duplice, ma con uno stesso sistema strutturale che rende la realizzazione univoca. Questi due elementi, ognuno definito con caratteristiche proprie, sono accomunati dalla materia prima con cui sono stati realizzati.

Stampatore a mano a Noale e stampi (foto Terreal)

L’unico metodo che consente così tante diverse forme con una stessa materia prima è la tecnologia tradizionale di lavorazione del laterizio, l’impasto molle, ovvero ciascuno dei pezzi, accomunati per argilla di impasto e sabbia di finitura, viene stampato a mano in stampi lignei, realizzati su misura. L’impasto di argilla rosata viene utilizzato per riempire gli stampi, precedentemente spolverati con sabbia finissima dal tenue colore rosa. Una volta stampato ogni pezzo viene essiccato e cotto. Per i frangisole, viene poi realizzata la foratura rettificata, che consente l’alloggiamento del tubolare passante inox, e l’incavo sul lato inferiore per l’incastro della struttura principale.

Le tavelle, realizzate con la stessa materia prima e la stessa lavorazione, verranno invece incassate nella struttura tramite tagli invisibili dal fronte, con lo stesso criterio dei frangisole. La stessa materia che si presta a diverse declinazioni, per realizzare due edifici diversi seppur gemelli.

Chi è Terreal
Terreal Italia è un’azienda specializzata nella produzione di sistemi di involucro in terracotta, che ha saputo trasferire a livello industriale una capacità nata storicamente a livello artigianale. L’azienda, appartenente al gruppo multinazionale Terreal, leader mondiale nell’industria dei laterizi con stabilimenti in tutto il mondo, da gennaio 2018 acquisisce il brand Pica, con l’obiettivo di consolidare e aumentare la presenza sul mercato nazionale e all’estero, affiancandolo al già noto brand SanMarco. Fondendo esperienza e capacità produttive, offre al mercato una gamma prodotti senza precedenti: dalle tegole ai coppi, dai mattoni a pasta molle a quelli estrusi, dai pavimenti in cotto agli elementi di architettura, dalle tavelle alle facciate ventilate e soprattutto sistemi completi di involucro per la realizzazione di coperture, pareti e pavimenti nel segno della modernità. Quello che più la contraddistingue è la flessibilità produttiva che permette di avvicinare la terracotta alle richieste prestazionali ed estetiche della contemporaneità dando nuovo slancio ad una materiale protagonista nell’architettura del futuro. Terreal Italia utilizza le più avanzate soluzioni tecnologiche, il know how tecnico e un dialogo ininterrotto con i progettisti per trasformare la terracotta in un prodotto moderno, performante, ecologico e dal massimo impatto estetico. Tra gli impegni che l’azienda porta avanti con soddisfazione da anni vi è il sostegno della cultura architettonica attraverso convegni, workshop e la pubblicazione di libri di architettura. In questo modo dimostra la vicinanza ai protagonisti dell’architettura contemporanea realizzandone idee e visioni in laterizio. Inoltre, l’azienda affianca il cliente per trovare insieme soluzioni innovative e originali possibilità di utilizzo della terracotta, promuovendo un habitat di qualità e valorizzando il patrimonio culturale.

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here