Ristrutturazioni residenziali. Chi guida il mercato e quali sono gli ambienti in cui si interviene di più?

La ristrutturazione del patrimonio privato ad uso residenziale è stata un’attività fiorente per tutto il 2018. Lo studio annuale Houzz & Home 2019, rileva infatti che oltre un quarto degli intervistati  ha dichiarato di aver ristrutturato la propria abitazione nel 2018 (28%), con una media di due stanze per progetto e una spesa mediana di 20.000 €.

(elaborazione Houzz)

Generazione X (45-54 anni) e Millennials (25-39 anni) rappresentano insieme oltre tre quarti dei proprietari che hanno ristrutturato casa (79%), con una spesa mediana rispettiva di 20.000€ e 30.000€.

(elaborazione Houzz)

Simile alle aspettative degli anni precedenti, il 24% pianifica di avviare un progetto di ristrutturazione. La percentuale sale al 29% per i Millennials e al 46% per la Generazione X.

«Nonostante ci siano stati ostacoli per l’economia globale e nazionale, l’attività di ristrutturazione ha mantenuto un buon passo nel 2018 – ha dichiarato Nino Sitchinava, Ph.D., Houzz Principal Economist -. I progetti accantonati/lasciati da parte negli anni precedenti vengono adesso finalmente messi in cantiere e guidano il mercato delle ristrutturazioni, mentre la crescita di spese non necessarie e prorogabili, come cambiare la cucina, sono un segno di nuova fiducia dei consumatori».

Perché ristrutturiamo casa

(elaborazione Houzz)

La decisione di ristrutturare casa anziché acquistare un nuovo immobile è spinta principalmente da due ragioni: la volontà di restare nella propria casa e il desiderio di volerla personalizzare, con un maggiore ritorno sull’investimento. La volontà di rimanere nella casa in cui abitano è il più grande fattore decisionale per i Baby Boomer (55-74 anni) e per la Generazione X, mentre per i Millennials ristrutturare è considerata una scelta più conveniente dell’acquisto.

Secondo lo studio annuale, la cucina è la stanza più ristrutturata del 2018 e quella per cui si è registrata una spesa maggiore. Infatti, la spesa mediana è aumentata dell’8% rispetto al 2017, con un budget dedicato di 6.500€. Lo studio è stato condotto su oltre 9.700 proprietari di casa in Italia iscritti ad Houzz. Tra gli altri spazi interni più ristrutturati troviamo il bagno, il soggiorno e la camera da letto (rispettivamente 25%, 16% e 15%).

Come paghiamo i lavori di ristrutturazione

(elaborazione Houzz)

La metà dei proprietari di casa utilizza risparmi o fondi personali (50%), seguito a distanza dal pagamento con carta di credito utilizzabile ovunque (20%) e liquidità derivante da rimborsi fiscali o credito (13%). Si evidenzia anche come siano i Millennial a fare affidamento sulle carte di credito piuttosto che le generazioni precedenti.

Ingaggiare il giusto professionista

(elaborazione Houzz)

Nove proprietari su 10 hanno assunto un professionista nel 2018 (90%), con idraulici, elettricisti e imprese edili tra i più richiesti (rispettivamente 53%, 48% e 46%). Baby Boomer e Generazione X sono più inclini ad assumere un professionista rispetto ai Millennial (rispettivamente 94% e 90%, contro l’86%), ma il divario è sorprendentemente ridotto.

Fare scelte “Intelligenti”

(elaborazione Houzz)

Un proprietario di casa su sette in fase di ristrutturazione privilegia la tecnologia intelligente (15%), acquistando prodotti come assistenti vocali, lettori multimediali in streaming e termostati. Sorprendentemente, i Baby Boomer sono più propensi rispetto alla Generazione X o ai Millennial a considerare la tecnologia intelligente come una priorità (rispettivamente 19% contro 15% e 14%).

Massimizzare l’efficienza energetica

Mentre il miglioramento del design e della funzionalità dell’abitazione sono le principali priorità durante le ristrutturazioni, la metà dei proprietari di casa privilegia l’efficienza energetica (50%), sostituendo ad esempio le finestre e isolando meglio la proprietà. L’efficienza energetica è un aspetto che riscuote circa la stessa importanza tra le varie generazioni.

Le principali sfide da affrontare

Nel 2018, la maggioranza dei proprietari che ha ristrutturato la propria abitazione ha anche decorato o arredato la propria casa nello stesso anno (70%). I Millennial sono molto più inclini a decorare casa dopo le ristrutturazioni domestiche rispetto ai Baby Boomer (77% contro il 58%), acquistando prodotti come grandi mobili per interni e lampade.

(elaborazione Houzz)

Tra le principali difficoltà riscontrate durante la ristrutturazione, secondo quanto espresso dai proprietari di casa che hanno eseguito i lavori durante il 2018, quella di rimanere nel budget prefissato è la più sentita, seguita da quella di rispettare le tempistiche.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here