Pmi. Nell’eurozona un nuovo record in sei anni

È partita bene l’economia dell’Eurozona nel secondo trimestre. Secondo i dati Pmi, elaborati dalla Markit, la crescita economica dell’eurozona ha toccato ad aprile un nuovo record su sei anni. I livelli occupazionali sono anch’essi aumentati segnando un record in quasi dieci anni, con aziende che hanno rilanciato le proprie capacità operative vista la forte domanda e il generale ottimismo sulle prospettive future. La pressione sui prezzi si è inoltre mantenuta tra i valori più forti in più di sei anni.

Dalla stima preliminare, calcolata sull’85% circa delle risposte finali, l’Indice Markit Pmi dell’eurozona di aprile è salito a 56,7. In aumento rispetto a 56,4 di marzo, è stato il più alto da aprile 2011. I valori di crescita dei nuovi ordini in entrata e l’accumulo di ordini inevasi hanno entrambi mantenuto valori simili al record di marzo, registrando il secondo ritmo di incremento mensile più alto in sei anni. Il forte incremento della domanda ha dato supporto a un elevato livello di ottimismo sulle prospettive di attività per il prossimo anno, con aspettative future poco inferiori al record di marzo, mese in cui si è registrato il più alto valore storico dall’inizio della raccolta dati comparabili. L’ottimismo e la forte portata degli ordini ricevuti hanno a loro volta sollecitato le aziende ad aumentare gli organici al tasso più rapido da luglio 2007.

Sia nel settore manifatturiero che nel terziario la crescita è accelerata toccando il valore più alto da aprile 2011. Ancora una volta il settore industriale ha registrato il tasso di espansione più rapido. Anche la creazione occupazionale è rimasta forte in entrambi i settori. Una espansione di questa portata, se dovesse continuare, dicono gli esperti, farà inevitabilmente revisionare al rialzo le previsioni degli economisti per il 2017.

Il Pmi (Purchasing Managers’ Index) Composito sull’Eurozona è prodotto dalla Markit e si basa su dati originali d’indagine raccolti da un gruppo rappresentativo di oltre 5.000 aziende sia del settore manifatturiero che terziario.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here