Norvegia. Realizzato in legno, il Domen Viewpoint offre viste mozzafiato del paesaggio artico

(foto Tormod Amundsen©Biotope)

Situato nell’angolo nord-est della Norvegia, affacciato sul Mare di Barents, il nuovo Domen Viewpoint è stato appena aperto ai turisti che visitano questa destinazione. Offrendo una vista impareggiabile della vasta area incontaminata, l’edificio progettato in modo sostenibile, con l’utilizzo di resistente legno Kebony, fornisce il tanto necessario riparo dal rigido clima artico ed è già diventato un punto di riferimento per tutti coloro che si avventurano verso questi paesaggi alla scoperta della bellezza naturale della campagna norvegese.

(foto Tormod Amundsen©Biotope)

Posto in cima a una montagna, l’edificio è meta di turisti attirati dalle magnifiche viste che offre questa terra artica, i fiordi e il mare, perfetti per gli appassionati della natura per godersi la fauna incredibilmente ricca e il paesaggio mozzafiato. Progettata da biotope Architects, l’opera è composta da tre piccoli edifici dotati di un telaio in acciaio, rivestito con pannelli di pino imbiancato e legno Kebony di fabbricazione norvegese, con una leggera sfumatura rosa nel vetro.

(foto Tormod Amundsen©Biotope)

Situata a Vardø, l’unica comunità in Norvegia a risiedere ancora nella zona climatica artica, l’area circostante è caratterizzata da inverni lunghi e freddi ed estati brevi e fresche. Costruito dalla compagnia locale Finnmark Entreprenør e commissionato dalle National Scenic Routes of Norway, il belvedere è stato elegantemente realizzato nel colore bianco per fondersi con il paesaggio invernale vissuto per metà dell’anno, mentre per gli interni è stato utilizzato il legno Kebony.

(foto Tormod Amundsen©Biotope)

Altamente resistente all’usura e agli agenti atmosferici, il legno Kebony non necessita di manutenzione oltre alla normale pulizia e si veste, nel tempo, di una bellissima patina grigio-argento. Commentando l’uso di Kebony, l’architetto Tormod Amundsen ha affermato: «La calda colorazione di Kebony contrasta molto bene con il freddo paesaggio bianco e il rivestimento esterno. Kebony stesso è un materiale particolarissimo e non vediamo l’ora di vedere come acquisirà una bella patina nel tempo».

(foto Tormod Amundsen©Biotope)

Sviluppata in Norvegia, la tecnologia di Kebony è un processo, rispettoso dell’ambiente e brevettato, che modifica i legni teneri di origine sostenibile riscaldandoli con alcol furfurilico, un sottoprodotto agricolo. Polimerizzando la parete cellulare, i legni teneri assumono in modo permanente gli attributi del legno duro tropicale, tra cui elevata durabilità, durezza e stabilità dimensionale. Questo particolare processo conferisce a Kebony anche il suo aspetto caratteristico, che invecchierà con il paesaggio naturale che circonda il belvedere Domen. Mette Valen, Sales Manager Norvegia di Kebony, ha dichiarato: «Siamo lieti che il nostro legno sia stato utilizzato così ampiamente in questo straordinario belvedere, che stabilisce davvero un nuovo standard per la costruzione rispettosa dell’ambiente. È stato un piacere lavorare con il team per realizzare la visione del progetto innovativo».

La tecnologia Kebony
La tecnologia Kebony è un processo brevettato che esalta le proprietà delle specie legnose non durevoli per conferire loro caratteristiche simili ai legni più performanti. Attraverso un processo sostenibile, le specie legnose come i pini e il legno non durevole vengono impregnate con un liquido a base biologica derivato dagli scarti delle colture agricole. Con l’aggiunta di calore, il furfurilpolimero viene innestato in modo permanente nella parete cellulare del legno, con conseguente maggiore durata e stabilità dimensionale.

Il Legno Kebony
Il legno Kebony è adatto per applicazioni sia interne sia esterne che richiedono alte prestazioni e grande estetica come ballatoi, pavimenti, rivestimenti, coperture, finestre, mobili da interni ed esterni. Nel tempo Kebony acquisisce una patina grigio argento pur mantenendo le sue caratteristiche prestazionali. Uno studio della società di consulenza ambientale norvegese Bergfald & Co. ha dimostrato che Kebony ha un’impronta di carbonio sostanzialmente inferiore rispetto ai suoi equivalenti in legno di latifoglie tropicali, con una maggiore durata e stabilità dimensionale. Kebony è stato utilizzato a livello internazionale in progetti commerciali, pubblici, residenziali e marittimi, tra cui il sito dei Giochi Olimpici Invernali della Gioventù in Norvegia, la prima casa passiva svedese, Rochester Marina a New York e la riqualificazione di Cinque Ports Street, Rye.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here