Speciale Smartworking

Luca Bargigia, Chryso Italia. Lavorare (in remoto) ai tempi del Coronavirus

«Nella mia carriera ho attraversato diverse situazioni critiche: dal periodo di tangentopoli quando si fermò completamente il sistema italiano, alla contrazione del mercato a seguito della crisi finanziaria del 2008.
Ora affrontiamo anche questa emergenza, sicuri che le sole certezze che valgono sono quelle che partono dalla sicurezza.
Per Chryso la sicurezza dei propri dipendenti, collaboratori e partner commerciali è da sempre il primo pilastro dell’azienda.
Quindi il passaggio di tutte le attività possibili in remoto è stato fatto in tempi antecedenti l’esplosione dei contagi, proprio per tutelare al massimo il valore della salute di tutti.
Non ci siamo ovviamente fermati, e tutte le attività concernenti produzione e logistica dei nostri stabilimenti sono stati organizzati col criterio della massima protezione possibile degli addetti, mentre la totalità delle attività di ufficio sono state messe in “smart working” in soli tre giorni.
Siamo sempre a fianco dei nostri clienti, a casa, in produzione o sui nostri camion: lo spirito è quello di sempre.
Finirà anche questa e torneremo a stringerci la mano.
Noi siamo sicuri» Luca Bargigia, Sales and Marketing Director Chryso Italia

Leggi anche:

Quaranta Brand si raccontano

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here