Laterlite. Una base sostenibile per il lungomare di Bari

Foto di Laterlite

Bari rinnova il suo lungomare e Laterlite entra a far parte del progetto con le sue soluzioni leggere, isolanti, pratiche ed ecocompatibili. La riqualificazione riguarda quasi due chilometri di litorale, il tutto all’insegna della qualità paesaggistica. L’amministrazione comunale ha voluto l’ambizioso progetto che da un nuovo assetto architettonico e funzionale a tutto il lungomare cittadino, da nord a sud. Si tratta di un progetto molto importante per la città pugliese, che restituisce alla cittadinanza, in particolar modo al quartiere San Girolamo, e ai turisti uno dei più bei tratti di spiaggia della città.
Il progetto definitivo su incarico dell’amministrazione comunale è firmato da un team di professionisti con a capo l’Arch. Eugueni Arbizzani della Sts S.p.A. di Bologna.
Il progetto esecutivo su incarico della ditta aggiudicataria è della società di ingegneria Etacons s.r.l. di Lecce. La ditta aggiudicataria è la Valori s.c.a.r.l. di Roma, l’impresa esecutrice è la Doronzo Infrastrutture s.r.l. di Barletta.

Il mare viene visto come elemento di rigenerazione urbanistica: il progetto punta alla sua valorizzazione e intende riqualificare il lembo litoraneo barese dell’Adriatico creando un unico grande lungomare, largo circa 12 metri, che va da Santo Spirito a Torre a Mare. Il progetto è volto a realizzare quindi un vero e proprio “parco a mare”, una zona completamente pedonalizzata e a mobilità “lenta” che persegue la ricucitura urbanistica tra la città e il suo mare.
Il tutto è stato concepito come una passeggiata urbana pedonale che lambisce la città vecchia, completo di sedute, aiuole e sistemazioni a verde tipo “macchia mediterranea”; non mancheranno poi le piste ciclabili e un illuminazione stradale moderna e coerente con le nuove funzioni. Oltre all’arredo urbano sono state riqualificate le aree delle attività commerciali presenti, in particolare quelle legate al mercato del pescato fresco, e che saranno riorganizzate funzionalmente attorno a una piazza fronte mare.
Obiettivo del progetto è anche quello di contrastare l’erosione costiera e gli effetti delle mareggiate sul tessuto urbano. Alle opere di protezione dall’azione erosiva del mare sono stati affiancati nuovi pontili e piattaforme galleggianti, creando spiagge e nuovi spazi destinati ai bagnanti.

Foto di Laterlite

Tra le diverse opere particolare attenzione sarà data alla struttura che sul molo Sant’Antonio ospiterà nuove funzioni: info-point, spazi per iniziative culturali e sociali, caffetteria, e soprattutto la sede del Museo del Mare.
È proprio per questa parte del progetto che è stato usato Lecacem Mini di Laterlite per una superficie complessiva di circa 3.000 m2. Si tratta Premiscelato leggero e isolante a base di argilla espansa Lecapiù, e grazie alle sue caratteristiche di leggerezza, resistenza e isolamento termico è stato scelto dall’impresa di costruzioni Doronzo Infrastrutture srl con sede a Barletta, vincitrice dell’appalto indetto dal Comune di Bari.
È un prodotto molto versatile, indicato per la realizzazione di sottofondi leggeri, strati di isolamento termico-alleggerimento, pendenze e coperture, oltre che per strati di compensazione per la posa dei pannelli del sistema di riscaldamento a pavimento. Lecacem Mini con una massa volumica di circa 600 kg/m3 è un materiale leggero che contribuisce in maniera fondamentale all’isolamento termico grazie al suo basso coefficiente di conducibilità termica certificato (λ 0,142 W/mK). Inoltre, le caratteristiche “naturali” dell’argilla espansa Leca permettono a Lecacem Mini di essere prodotto incombustibile (Euroclasse A1) ed ecobiocompatibile certificato Anab-Icea per la Bioarchitettura.

Foto di Laterlite

Con questo intervento il Comune di Bari ridisegna l’assetto urbanistico e funzionale del lungomare, rendendolo un luogo di socializzazione e di ritrovo in diretta connessione con il mare con un forte sguardo all’ecologia e alla sostenibilità ambientale. La riqualificazione con la passeggiata e le piste ciclabili, avrà come effetto quello di ridurre del traffico nell’area interessata, cosa che comporta un abbassamento dell’inquinamento atmosferico e acustico.
Quello del nuovo fronte a mare di Bari è un progetto che per obiettivi urbanistici, sociali e ambientali si pone nel solco della più moderna progettazione urbana sostenibile, un ambito nel quale si riconosce perfettamente la filosofia Laterlite, sempre vicina agli operatori dell’edilizia che operano nel rispetto dell’ambiente e della sostenibilità senza rinunciare alle prestazioni tecniche.

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here