Eclisse. “Bagni pubblici” a quattro stelle

In venti minuti la sala da biliardo e la piscina possono essere trasformate in location per eventi: un piano di sollevamento si muove verso l’alto dal fondo della piscina grazie a un motore e, allo stesso tempo, l’acqua scorre sulle pareti della piscina e si raccoglie in un contenitore sottostante. Una volta che il piano di sollevamento ha coperto la piscina, si crea un nuovo spazio che può ospitare fino a 800 persone

Potrebbe sembrare un hotel qualunque ricavato all’interno dell’edificio in stile neo-rinascimentale progettato dall’architetto Ludwig Hoffmann, invece c’è di più.

Il nuovo ristorante situato nella vecchia zona caldaie occupa un’area di 225 metri quadrati distribuita su tre piani. Il bar, invece, è stato ricavato negli ex spogliatoi

Le settanta camere, due appartamenti, un bar, un ristorante e la piscina di 20 metri aperta al pubblico, sorgono nella stessa struttura che dal 1902 al 1986 ha ospitato i bagni pubblici del quartiere di Oderberger.

L’edificio, infatti, disponeva di cabine dotate di docce o vasche da bagno e chiunque volesse poteva usufruire della piscina.

Col passare degli anni, il popolare bagno pubblico perse la sua funzione principale per essere poi definitivamente chiuso nel 1986 a causa di grossi cedimenti e crepe nel pavimento.

Dismesso per trent’anni, l’edificio fu acquistato da due privati che volevano restituirne l’uso ai cittadini; è stato dunque oggetto di importanti interventi di ristrutturazione volti a tutelare e proteggerne l’aspetto originale.

Dal momento che le cabine bagno e doccia erano molto piccole per ospitare sale convegni per 10-12 persone, da due a quattro cabine sono state riunite in un’unica stanza. Altre invece hanno mantenuto la loro dimensione originale e sono ora utilizzate in parte come bagni
Oltre alla piscina, la struttura dispone di 70 camere, 2 appartamenti, un bar e un ristorante

Il progetto di recupero conservativo, firmato da Mathias Jensch e Britt Sylvia Eckelmann di Cpm architekten è partito dalla piscina, con il suo aspetto monumentale, per trasformarla, quando necessario, in una location per eventi.

Un vero e proprio progetto di illuminotecnica, disegnato sulle peculiarità dell’architettura, che crea una particolare atmosfera con effetti di luce.

Nell’ottica della massima conservazione degli elementi storici presenti, anche le cento porte caratteristiche delle cabine dei bagni doccia e vasca sono stati completamente restaurate e riutilizzate.

 

Grazie al binario estraibile, brevetto esclusivo Eclisse, lo scorrimento delle porte è silenzioso in qualsiasi condizione e nel tempo

 

Questo intervento è stato possibile grazie alla scelta diutilizzare dei controtelai per porte scorrevoli Eclisse.

A tal proposito, l’architetto Mathias Jensch ha detto: «Cercavamo un sistema per porte scorrevoli che soddisfasse le nostre esigenze in termini di estetica, ma che fosse anche in grado di sostenere un pannello porta molto pesante e, dal punto di vista della funzionalità, completamente esente da manutenzione. Abbiamo optato per i controtelai Eclisse perché i feedback da parte degli utenti erano molto positivi. La libertà che ci ha dato questo sistema ci ha dato ragione».

 

«Siamo molto entusiasti di aver preso parte a questo recupero di uno storico bagno pubblico a Berlino. In questo progetto abbiamo fornito circa cento controtelai modello Eclisse Unico per una porta scorrevole a scomparsa. Uno degli obiettivi dei prodotti Eclisse è quello di offrire delle soluzioni uniche al servizio della progettazione. In questo caso le richieste dello studio di architettura sono state: fornire un prodotto in grado di sostenere i pannelli porta originali inseriti in una struttura di vetro e metallo particolarmente pesante e, dal punto di vista della funzionalità, essere completamente esente da manutenzione». Fabiana De Luca, Responsabile Ufficio Marketing Eclisse

Un fattore determinante nella scelta delle porte scorrevoli Eclisse è stato, infatti, il fatto che scompaiono completamente nel controtelaio montato nella parete. Ogni porta scorrevole permette così di guadagnare spazio: un argomento decisivo per la gestione economicamente efficiente di un hotel.

Il controtelaio che eclissa un’anta scorrevole a scomparsa
Grazie al binario estraibile, brevetto esclusivo Eclisse, lo scorrimento delle porte è silenzioso in qualsiasi condizione e nel tempo

Unico riassume perfettamente la funzionalità e la qualità dei sistemi Eclisse, che sono affidabili, robusti e adattabili alle più differenti esigenze, sia nell’ambito degli interventi di ristrutturazione che di nuova costruzione. Unico può alloggiare al proprio interno qualsiasi pannello porta scorrevole standard presente sul mercato.  Al sistema è possibile applicare accessori, tra cui Rallenty Soft, il dispositivo che permette alla porta scorrevole di rallentare e chiudersi dolcemente. Il controtelaio Eclisse è costituito da una robusta struttura metallica ed è progettato in modo tale che, indipendentemente dalla versione per pareti a secco oppure intonaco, consenta un design molto flessibile delle ante, con un peso massimo fino a 150 chili. Grazie a queste soluzioni, gli specialisti di Restoration Werkstätten Berlin GmbH hanno potuto recuperare le porte delle cabine storiche del nuovo hotel.

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here