Nec

Come è cambiato il rapporto con il digitale

foto di Nec

E’ evidente, oggi più che mai, come il digitale abbia un ruolo fondamentale nella nostra vita quotidiana. L’emergenza sanitaria dovuta al Covid-19 ha portato all’improvvisa necessità di lavorare da remoto, mettendo cosi in evidenza l’indispensabilità di stare connessi attraverso i device digitali.

Sono passati ormai quasi 10 anni dal video, diventato virale, in cui un neonato cercava di allargare con le dita una fotografia su una rivista cartacea, come se fosse uno schermo. Una chiara anticipazione di quanto oggi le persone si aspettano di interagire con le informazioni e non di consumarle in maniera passiva. E questo avviene non soltanto a livello individuale, ma il modo in cui al lavoro gli schermi sono stati messi al centro delle attività, ha sovvertito il luogo comune che la tecnologia isola ancora prima che la vita sociale di milioni di persone venisse avvicinata attraverso il contatto on-line.

Sia che si tratti dell’insegnamento a distanza attraverso le lavagne interattive nelle scuole e nelle università o di video conferenze con partecipanti da tutto il mondo, gli schermi hanno rivoluzionato la nostra capacità di creare, comunicare e collaborare. Il display non è più quindi uno strumento per consumare informazioni. Al contrario veniamo coinvolti, subiamo cambiamenti e ci realizziamo.

I progressi nella tecnologia display si traducono in una maggiore sensibilità tattile, che ci consente di interagire con le informazioni sullo schermo come se fossero una materia fisica. Quello che ci aspettiamo oggi, è la possibilità di disegnare su uno schermo digitale con la stessa facilità e precisione con cui lo faremmo su un foglio di carta. A tal proposito Nec presenta InfinityBoard, la soluzione display progettata per utenti professionali che prende la nozione di interazione fisica con la materia e la trasferisce all’interno di un device in grado di replicare quell’esperienza su una scala maggiore.

Questo consente ai gruppi, siano essi persone presenti fisicamente o che lavorano da remoto, di interagire e di gestire le informazioni come lo farebbe una persona con un singolo device. Gruppi di persone possono così darsi appuntamento e lavorare in maniera più efficiente, molto meglio di ciò che farebbero se si trovassero tutti affollati intorno ad un tavolo. Questo significa che il display può anche diventare il punto centrale di una riunione sia fisica che virtuale, un centro creativo attivo, più che un elemento a latere del quale si intavolano discussioni.

Può essere ancora più interessante notare che questa nozione di collaborazione ad hoc non richiede un cambiamento culturale da parte della comunità degli utenti. Al contrario, questo nuovo modo di lavorare, rappresenta una reazione ad un cambiamento culturale già in essere. Le tecnologie per meeting e collaboration al lavoro stanno evolvendo per andare incontro alle esigenze ed alle aspettative del mondo del lavoro presente e futuro. I display interattivi di grande formato sono al centro di questo cambiamento, poiché estendono i vantaggi del lavoro su tablet su uno di maggiori dimensioni con possibilità infinite dal punto di vista creativo.

Immaginatevi cosa succederà quando la gente tornerà in ufficio. Quali nuove modalità di lavoro si svilupperanno in questo periodo di lavoro da remoto e come verranno recepite all’interno dell’ufficio? Anche prima della crisi molte organizzazioni stavano cercando modalità per ottimizzare la produttività e migliorare la collaborazione. Tra chi ha adottato per primo InfinityBoard vi erano società con collaborazioni da remoto (in particolare con team sparpagliati in tutto il mondo) per i quali l’incremento del business era fondamentale.

L’hardware da sempre rappresenta un grosso investimento finanziario per le organizzazioni. Sia che si tratti di una nuova infrastruttura IT o dell’ultima tecnologia display, le organizzazioni vogliono sapere come il loro investimento pagherà i dividendi e come sarà in grado di incrementare il loro business. Nel caso degli schermi, essi hanno bisogno di poter guardare oltre l’hardware considerando benefici più ampi.

La strumentazione che facilita la collaborazione a distanza genera effetti positivi che ricadono su tutta la società. Questi includono team più produttivi, impiegati più felici, un ambiente di lavoro più efficiente ed una maggiore attrattività per i nuovi talenti. Provate ad immaginare cosa significherebbe avere una lavagna digitale facile da usare così che le persone potrebbero non soltanto condividere le informazioni, ma aggiornarle ed adattarle in tempo reale. Questo consentirebbe di migliorare la comunicazione tra le diverse business unit, i partner, i fornitori o i clienti. Potrebbe tradursi nell’implementazione di modalità di lavoro flessibile e migliorare la customer experience.

Investire nelle tecnologie display corrette può condurre a diversi tipi di vantaggi. Innanzitutto, si registra una richiesta di maggiore flessibilità sul posto di lavoro. Secondo, esistono delle aspettative circa la scelta da farsi, con utenti finali potenzialmente frustrati nel caso non venissero adottate quelle tecnologie da loro percepite come le più utili. Infine, la tecnologia deve funzionare perfettamente in ogni momento: in un business non è pensabile investire in una tecnologia che invece di produrre una maggiore efficienza operativa, richieda continui interventi da parte dell’ufficio IT.

Oltre a InfinityBoard, altre novità sono la funzione Quicklaunch, che consente agli utenti di cominciare le riunioni premendo un solo bottone.

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here