Brianza Plastica. Isolamento ad alte prestazioni per tutto l’involucro

Render vista sud (foto Calzoni Architetti)
Render vista sud (foto Calzoni Architetti)

Tra le opere di aggregazione sociale e servizi alla cittadinanza previste per il quartiere Bisceglie che si sviluppa ad ovest di Milano, il nuovo centro polifunzionale, progettato dall’architetto Sonia Calzoni, ospiterà gli edifici della Comunità Nuova di don Gino Rigoldi.

Render del complesso (foto Calzoni Architetti)
Render del complesso (foto Calzoni Architetti)

Considerata la destinazione d’uso, il complesso, che si articola su un lotto di 17mila metri quadrati, è costituito da più blocchi costruttivi – ciascuno dei quali ospiterà autonomamente le diverse attività – ma connessi funzionalmente tra loro attraverso un percorso coperto che con gli edifici costituisce un anello continuo, protettivo, ma in relazione con il territorio circostante.

sonia_calzoni_01«È un anello continuo con la duplice funzione di racchiudere uno spazio interno, che deve essere anche un luogo protetto, e di connettersi con l’ambiente circostante in una relazione visiva permeabile ed osmotica, quale deve essere quella di una comunità realmente aperta al territorio e dialogante con la società in cui è inserita. Lo spazio a verde interno – dove sono presenti orti, giochi per i bambini, aree relax, aree per mangiare all’aperto – diviene un luogo rappresentativo dell’incontro e del dialogo, espressione del messaggio umanitario e sociale di Comunità Nuova». Sonia Calzoni, Calzoni Architetti

(foto Calzoni Architetti)
(foto Calzoni Architetti)

Il complesso è strutturato in 3 blocchi indipendenti, articolati in un blocco a forma trapezoidale che ospita gli uffici, sale riunioni e locali di servizio, situato esternamente all’anello porticato e caratterizzato da copertura piana e patii interni da cui prendono luce gli ambienti. Il centro polifunzionale è situato in un corpo più articolato, anch’esso a pianta trapezoidale, con coperture a falde inclinate e possibilità di accesso sia dall’esterno sia dal porticato interno. All’interno del percorso del porticato sorge l’edificio a pianta quadrata di 5 piani fuori terra dove trovano spazio i locali della Comunità educativa e Housing temporaneo, con facciate caratterizzate da ampie aperture e oscuramenti con ante scorrevoli. Infine il blocco dedicato ai laboratori collocato nella parte nord, sempre in posizione esterna, può essere usato anche come spazio per offrire servizi rivolti al quartiere.

(foto Brianza Plastica)
(foto Brianza Plastica)

Tutto il complesso è caratterizzato da un’architettura sobria che si esprime nella semplicità organizzativa dei volumi, delle funzioni, dei percorsi e dei materiali che tengono conto della futura gestione e manutenzione del centro.

(foto Brianza Plastica)
(foto Brianza Plastica)

Per la protezione, l’isolamento e la finitura degli involucri in calcestruzzo sono stati previsti sistemi a cappotto intonacati per i prospetti interni, rivestiti con lastre in fibrocemento per le pareti prospicienti all’esterno o con klinker in formato 10×10 in alcuni passaggi, percorsi o nelle logge e ingressi.

(foto Brianza Plastica)
(foto Brianza Plastica)

Mentre i terrazzamenti delle coperture piane sono coperti da ghiaia, le coperture a falda sono rivestite da lastre in alluminio preverniciato, posato, come il sistema di isolamento e il resto dei rivestimenti da Nieder di Castione Andevenno (So), azienda specializzata nella realizzazione di sistemi per coperture e facciate metalliche.

(foto Brianza Plastica)
(foto Brianza Plastica)

Per l’isolamento termico degli involucri è stato scelto il sistema Isotec Linea di Brianza Plastica con cui è stata realizzata la coibentazione sia delle coperture sia delle chiusure verticali, per una superficie complessiva isolata di 2.340 metri quadrati.

(foto Brianza Plastica)
(foto Brianza Plastica)

È stata scelta la soluzione isolante di Brianza Plastica in virtù dell’efficacia del sistema in termini di prestazioni isolanti, oltre che per la facilità di posa e la compatibilità con il rivestimento in alluminio in doppia aggraffatura.

nieder«L’impiego di Isotec Linea in un cantiere di grandi dimensioni come questo si è distinto per la praticità e velocità di posa. Grazie alla leggerezza e maneggevolezza del pannello, la realizzazione del sistema a cappotto con Isotec Linea sugli oltre 2.300 metri quadrati di superficie da isolare è avvenuta in sole 3 settimane con l’impiego di 4 persone. Conosciamo e installiamo da tempo e con soddisfazione i sistemi isolanti di Brianza Plastica, che si fanno apprezzare, oltre che per le ottime proprietà isolanti e di durabilità nel tempo, anche per l’ordine, la pulizia e la perfetta organizzazione che permettono in cantiere». Juergen Niederfriniger, Nieder

(foto Brianza Plastica)
(foto Brianza Plastica)

I pannelli Isotec Linea, scelti nel passo 350 e spessore 120 mm, sono stati fissati in copertura con tasselli da 180 mm al calcestruzzo sottostante, assicurando la massima stabilità del pacchetto. Una volta sigillate le giunzioni dei pannelli, è stato posato il tessuto traspirante, per poi procedere al fissaggio del rivestimento in alluminio profilato in cantiere, ancorato mediante rivetti inox e graffette fisse e scorrevoli sul profilo in acciaio integrato nel pannello isolante Isotec Linea.

Isotec Linea
20160411_112936 copiaIsotec Linea è un pannello strutturale isolante per coperture e pareti non ventilate, composto da un’anima isolante in schiuma di poliuretano rigido autoestinguente ricoperta da un involucro di alluminio goffrato e reso portante da un profilo metallico in aluzinc. Isotec Linea si dimostra estremamente durevole grazie al rivestimento completo in alluminio goffrato; una volta installato, il pannello realizza una struttura isolante e portante.

isotec-linea-01Il correntino metallico è studiato per ottimizzare la posa dei rivestimenti in metallo, fibrocemento e altre finiture, ricorrendo all’utilizzo di semplici fissaggi meccanici.
Le elevate prestazioni isolanti del poliuretano rendono Isotec Linea una soluzione eccellente per l’isolamento termico di tutto l’involucro, assicurando un elevato comfort abitativo e notevoli risparmi energetici sulle spese di riscaldamento e condizionamento degli edifici. L’impiego del sistema Isotec Linea in spessore 120 mm nella stratigrafia dell’involucro del centro polifunzionale di Bisceglie ha reso possibile il conseguimento della classe energetica B.

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here