Bello e sostenibile. Ovvero, la casa green oriented

L’attenzione all’ambiente, e all’impatto che tutti i gesti quotidiani hanno su ciò che ci circonda, è un tema sempre più sentito e imprescindibile. Anche quando si parla di arredo e design. La continua ricerca di soluzioni efficienti e sostenibili sta plasmando un nuovo capitolo nella storia della produzione industriale. Una fase sempre più cosciente che risponde alle esigenze dei consumatori di nuova generazione. Il nuovo spazio domestico è digitale, responsabile e sostenibile, con tante novità che coniugano etica, funzione, design e tecnologia.

Il punto di partenza, alcuni decenni fa, è stata l’introduzione nelle aziende di processi produttivi più rispettosi dell’ambiente e dei consumatori, per continuare con la messa a punto di materiali riciclabili e soluzioni a risparmio idroenergetico. Oggi la ricerca sta proponendo accorgimenti, ad esempio in bagno, come le superfici antibatteriche che garantiscano igienizzazione e atossicità, con la conseguente riduzione di detergenti nelle operazioni di pulizia. Da segnalare anche l’introduzione di procedimenti e funzioni come i trattamenti galvanici per le rubinetterie, che garantiscono minori livelli di nocività, e, per gli scaldasalviette elettrici, la programmazione digitale che riduce lo spreco energetico. Sempre più efficace, poi, l’orientamento dei sanitari verso il contenimento del consumo idrico.

Quasi tutte le aziende sono pronte per l’installazione del vaso da 4,5 litri. Se si pensa che la maggior parte degli scarichi attualmente si aggira attorno ai 9-12 litri, si può immaginare la portata di tale innovazione. Parlando di abbassamento dei costi di produzione, una “chicca” che si sta già facendo apprezzare nel mondo dei rubinetti e in altri settori, è l’additive manufacturing, cioè la stampa 3D degli oggetti nelle forme e nei materiali desiderati. Oggi non c’è azienda che non rifletta in modo serio sulla necessità di ridurre l’impatto sull’ecosistema. E si tratta di uno scenario possibile perché le tecnologie per ottenerlo sono già in atto. I produttori investono consistentemente in innovazione ed è bello constatare come non si stia parlando solo dei grossi brand, ma anche di realtà di dimensione medio-piccola, che dedicano alla ricerca una buona percentuale del proprio fatturato.

Ma attenzione all’ambiente è anche comfort e sicurezza. Tornando nello spazio benessere e alle aree tecniche in genere della casa, l’attenzione alle esigenze di una diversa abilità, permanente o episodica, è un’altra delle strade che ricerca e progettazione stanno percorrendo, con l’ausilio di una presenza pervasiva,ma invisibile,della tecnologia e con la messa a punto di sistemi d’arredo sempre più curati nel design.

Abbiamo scelto per te:

Fima Carlo Frattini. L’eleganza della funzionalità

 

 

 

 

Marazzi. Total green

 

 

 

 

Moab 80. Stile low tech

 

 

 

 

Geberit. L’upgrade del vaso

 

 

 

 

 

Deltacalor. Caldi riflessi con uno specchio radiante

 

 

 

 

Ideal Work. Superfici continue

 

 

 

 

Innova. Il massimo al minimo

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here